GP DI TERUEL VENERDÌ DI LAVORO IN ARAGONA

Dopo il buon weekend della scorsa settimana, culminato con l’approdo in top 10 di Simone Corsi, il team MV Agusta Forward Racing è nuovamente sul circuito del MotorLand di Aragona. La prima giornata di libere del GP di Teruel è stata dedicata alla ricerca del miglior set-up, anche adattandosi alla mescola più morbida fornita, per poter affondare il time attack a partire dalle FP3 di domani mattina. Dopo il rodaggio svolto nelle FP1, il pomeriggio è stato caratterizzato da diverse interruzioni che, giocoforza, hanno condizionato la ricerca del miglior ritmo e del passo gara. Entrambi i centauri del team italo-svizzero hanno migliorato i rispettivi tempi della mattina: Simone Corsi ha fermato il cronometro a 1’52.924, solo qualche decimo più indietro Stefano Manzi con a referto il miglior giro in 1’53.082. Ora il team processerà i dati e metterà a punto le migliorie per affrontare il sabato di qualifiche. Si partirà alle 11:55 con le FP3, Q1 e Q2 a partire dalle 15:50.

TERUEL GP – BUSY FRIDAY IN ARAGÓN 

After the last, good weekend here, ended up with a Top 10 finish for Simone Corsi, MV Agusta Forward Racing team is back in MotorLand Aragón. In day-1 of Teruel GP’s Free Practices the team worked on set-up, even adapting the bike to the softer compound provided, to be competitive tomorrow starting from FP3 in the morning. The FP1 was good for break-in, in the afternoon few crashes coarsely chop up the session (red flagged twice); because of that it was hard to find the best pace. Both of riders improved their morning times: Simone Corsi stopped the clock at 1’52.924, Stefano Manzi is just few tenth of a second away with the time of 1’53.082. Now the Italian-Swiss team will process the data and will draw up any possible improvement to face the Saturday in the best way. 11:55 AM tomorrow with the FP3, Q1 and Q2 will start at 03:50 PM.

DOWNLOAD PHOTOS
SIMONE CORSI – RIDER P19 1’52.924

«Direi che la giornata è andata bene, anche se mi aspettavo di fare un tempo un po’ più basso per rientrare già da oggi nei posti valevoli per la Q2. Non sono riuscito a chiudere un giro pulito, ma è una conseguenza delle scelte che abbiamo preso con il team. Abbiamo scelto di partire con un setting completamente diverso da quello che useremo in gara per cercare ulteriori miglioramenti. Perciò eravamo pronti a questo venerdì. Il feeling con la moto è buono, l’accesso in Q2 è alla nostra portata».

«To me it was a good day. I expected to be a little bit faster, just to be already in the top 14 in sight of Q2. I wasn’t able to complete a full fast lap but this is a consequence of the choices we have taken as a team. We decided to start with a setting that is completely different from the race’s one, so we could seek more improvements. So, we were ready to a Friday like this. The feeling with the bike is good, the access to Q2 in within our reach».

STEFANO MANZI – RIDER P22 1’53.082

«È stato un venerdì impegnativo perché abbiamo fatto tante modifiche per cercare di trovare il giusto feeling con la moto. Abbiamo lavorato tutto il giorno, facendo passi avanti per trovare una strada che mi metta a mio agio. Speriamo di trovare qualcosina in più per domani, in modo da essere competitivi».

«This was a busy Friday for us because we changed a lot on the bike to find the right feeling. We worked all day long, taking steps forward and trying to find out something that fitted me. We hope we can have something more for tomorrow, so we can be even more competitive».

MILENA KOERNERTEAM MANAGER

«Come accaduto in precedenza per le gare corse consecutivamente sullo stesso circuito, anche questa volta abbiamo dedicato il venerdì a delle prove più impegnative sulla moto. Questo perché avendo un set-up pronto dalla settimana scorsa, riusciamo a passare più di tempo in pista. Dall’altro lato, dato che è stata fornita una mescola più morbida per la gomma posteriore per la Moto 2, entrambi i piloti hanno verificato se tale introduzione potesse essere utilizzabile durante la gara. Perciò non ci siamo concentrati sul miglioramento della prestazione nel giro secco, ma l’obiettivo principale era la verifica della durata gomma per la distanza gara. Se vedremo che tra il 10° e il 20° posto i tempi saranno racchiusi in un paio di decimi, vorrà dire che avremo le carte in regola per giocarci l’accesso in Q2. Ci vorrà, come sempre, anche un minimo di fortuna, ma noi cercheremo di dare il nostro meglio come ogni GP per partire più in alto possibile in griglia».

«As in the others back-to-back races, we spent day-1 to run some challenging test on the bike. That’s because we already had a ready set-up from last race, so we could have stayed much longer on the track. On the other side, since they provide a softer compound for Moto 2 class, both of riders had tested it to figure out if it could be useful during the race. So, we didn’t try to work on the fast lap, but the goal was to verify the life of the tyre on a race distance. If we’ll notice a gap of few tenth of a second from 10th to 20th position, will mean that we could fight for the access in Q2. As always, we have to be lucky too, but we’ll do our best to start from a good spot in the grid».

 

Categorie: 2020