STORIA DI MV AGUSTA 

1907 – 1945 

La storia di Agusta inizia nel 1907, quando il Conte Giovanni Agusta, aristocratico siciliano con la passione del volo, fon- da la “Costruzioni Aeronautiche Giovanni Agusta”. Presto si trasferisce al Nord e si arruola volontario nel Primo Battaglione Aviatori della Malpensa. Stabilisce la sua azienda a poca distanza, a Cascina Costa. La produzione di aeroplani conosce un vero e proprio boom durante la Grande Guerra. 

Il Conte Giovanni muore nel 1927. A succedergli sono la moglie Giuseppina e il figlio Domenico. Dopo la fine della guerra il settore aeronautico 

1945 – 1960 

Dopo la guerra, in Italia, è vietata la produzione di aeroplani. Agusta si concentra sulle motociclette. Nel 1945 nasce la MV, “Meccaniche Verghera”. La prima moto che ne porta il marchio viene presentata ufficialmente nell’autunno dello stesso anno. Passerà alla storia come “MV 98”. La passione degli Agusta per il volo e la velocità si riconosce nelle motociclette del marchio, dotate di uno spirito combattivo senza eguali e foriero di innumerevoli vittorie sportive negli anni a venire. 

1960 – 1992 

L’affermazione dell’automobile causa un netto declino delle vendite di motociclette. La risposta di Agusta è di offrire modelli sempre più innovativi e sofisticati, che entusiasmano gli appassionati. Una mossa vincente anche grazie alle continue vittorie in pista delle MV Agusta. Nel 1965 ha inizio quello che può considerarsi il sodalizio più celebrato della storia del motociclismo, quello tra Giacomo Agostini ed il leggendario tre cilindri MV Agusta. 

1992 – OGGI 

Il marchio MV Agusta viene acquisito nel 1992 dalla Cagiva di Claudio Castiglioni, che aveva iniziato la produzione di moto 12 anni prima sulle rive del lago di Varese in località Schiranna, dopo aver rilevato la sofferente Aermacchi-Harley-Davidson. Le MV sono rimaste nel cuore dei veri appassionati di motociclismo, e il successo è immediato. 

MV AGUSTA HISTORY 

1907-1945 

The history of Agusta started in 1907, when Count Giovanni Agusta, a Sicilian aristocrat with a passion for flying machines, founded the Agusta aeronautics company. He soon moved to Northern Italy, in Cascina Costa near today’s Malpensa airport. Count Giovanni died in 1927, his widow Countess Giuseppina and son Domenico succeeded him at the helm of the family business. After the war the airplane industry had dramatically declined, and Domenico decided to diversify into motorcycles, yet airplanes production was not abandoned. It soared again through World War II, but motorcycles had definitively entered the company’s DNA. 

1945-1960 

As a consequence of the war, airplane production was forbidden in Italy, so the Agusta focused on motorcycles. They created the MV “Meccaniche Verghera” brand in 1945.
The first MV branded motorcycle was officially launched in the autumn of that year. Originally.
It went down in history as the “MV 98”. The Agustas’ passion for avionics clearly showed in their motorcycles, giving them a raging racing soul, and the MV 98 started a winning string for the brand that was to last for decades. 

1960-1992 

Mass car ownership caused a sharp decline in the sales of production motorbikes, yet Agusta’s response was to offer ever innovative models that appealed to the true motorcycle enthusiasts.The strategy paid off also thanks to MV’s uninterrupted successes on the race tracks. 1965 was the start of what was probably the most celebrated combination in the history of racing motorcycling: that of Giacomo Agostini and MV’s inline three-cylinder. 

1992 – PRESENT 

In 1992 the Mv Agusta trademark was acquired by Claudio Castiglioni’s Cagiva (CAstiglioni GIovanni VArese), that had star- ted producing motorcycles under its own brand twelve years earlier in Schiranna, on the shores of Lake Varese, after taking over the ailing Aermacchi-Harley-Davidson short-lived venture.The move proved immediately successful as the MV Agusta brand had retained most of its enormous popularity with racing bikes enthusiasts.