La notte del Qatar ha regalato grandi emozioni per la gara inaugurale del Motomondiale 2020 con il Team MV Agusta Forward Racing protagonista di una significativa rimonta.
Partito 21esimo, Stefano Manzi ha chiuso 15esimo, nonostante un incidente che lo ha visto coinvolto con un altro pilota nel corso del sesto giro quando si trovava 16esimo. Nonostante il contatto, durante il quale ha danneggiato anche il codino della sua MV Augusta F2, Manzi ha mantenuto la concentrazione ed ha portato a casa il primo punto della stagione.
Anche Simone Corsi è stato autore di una buona partenza che gli ha permesso di recuperare diverse posizioni e chiudere 21esimo. Simone ha segnato il miglior crono all’ultimo giro, un’importante iniezione di fiducia per le prossime gare.
Archiviato il Qatar, il Team MV Agusta Forward Racing continuerà il lavoro di sviluppo delle moto, mentre il circus del Motomondiale resta in attesa della conferma del Gran Premio degli Stati Uniti, in programma il prossimo 5 aprile. 

 

Qatar GP –   Stefano Manzi scores the first point of the season

The inaugural night race of the 2020 Moto2 World Championship saw the  MV Agusta Forward Racing Team protagonist of an important recovery.
Started 21st, Stefano Manzi finished 15th despite an incident with another rider during the 6th lap when he was 16th that damaged his bike. Manzi managed to maintain a consistent pace, and scored the first point.
Started from the back, Simone Corsi made a good start and was able to recover some positions. His feeling with the bike improved in the second part of the race, and he scored his best lap time in the last lap.
The MV Agusta Forward Racing Team returns to Europe and will continue to work to the development of the bikes.
The second race at the moment is the USA Grand Prix at Austin, Texas scheduled for April 5th. 

Stefano Manzi #62 – P15

“Sono abbastanza soddisfatto della mia gara perché grazie al lavoro di tutto il team, oggi avevo un buon feeling con la moto. Sono contento perché avevo un buon ritmo e ho girato in modo costante per i 20 giri della gara. Mi mancava forse un po’ di incisività nel giro singolo, ma in una classe competitiva come la Moto2, la costanza è fondamentale e alla fine paga, come abbiamo visto oggi. 
Dopo un inverno complicato, siamo riusciti a cambiare marcia in gara, il momento della verità. Adesso avrò un po’ di tempo per recuperare, perché non mi sentivo bene, ed il team potrà continuare lo sviluppo della moto”

“I’m quiet satisfied with my result. The team did a great job and in the race I had a good feeling with the bike. I had a good pace and I could be consistent throughout the 20 laps of the race. We missed a bit on the single lap, but consistency is the key in a demanding class like Moto2. After a complicated winter, we made an important step forward when it matters, and we will maximize the work during the next weeks to continue progressing with the bike”.

Simone Corsi #24 – P21

“Sono partito abbastanza bene ed ho subito recuperato delle posizioni. Giro dopo giro, il feeling è migliorato e ho segnato il mio miglior tempo all’ultimo giro. E’stata una bella iniezione di fiducia.  
Durante questo fine settimana abbiamo faticato, ma abbiamo acquisito anche molti dati che ci saranno sicuramente utili per le prossime gare. Abbiamo provato molte soluzioni ed abbiamo individuato la direzione da seguire”.

“I did a good start, and I could recover some position. Starting from the back makes everything more complicated, but lap after lap my feeling improved and I could set my best lap time on the last lap. This gives me confidence looking ahead to the next races. We have collected many data and understood the direction to follow, so I’m confident that we can do a good job”. 

Giovanni Cuzari, Team Owner

“Lasciamo il Qatar consapevoli del progresso che abbiamo fatto come team. Rispetto allo scorso anno il gap dal primo si è più che dimezzato e questa è solo la prima gara della stagione. Peccato per Stefano che stava facendo un’ottima rimonta. Desidero fargli i miei complimenti perché si è dimostrato un grande combattente ed è riuscito a girare in modo costante nonostante i danni al codino della sua moto. Anche Simone ha svolto un buon lavoro e i dati raccolti durante il fine settimana insieme alla sua esperienza e quella della squadra saranno particolarmente utili per continuare a lavorare allo sviluppo della moto”.

“We are leaving Qatar aware that we did an important progress as a team. Compared to last year we were able to halve the gap from the first, and this is just the first race of the season. It’s a pity for the incident that Stefano had in the first part of the race.
Despite that, he maintained the focus and the determination and finally finished 15th. Simone too did a good job, gathering important data that we will use to further develop the bike”.   

Categorie: 20192020